luoghi draghi in Scozia

I voli di Fru: luoghi draghi in Scozia4 min read

Tempo di lettura circa 5 min.

I voli di Fru: luoghi draghi in Scozia.
Oggi esploriamo queste terre ricche di miti e leggende, misteri e curiosità.
Un’idea fresca e rilassante perfetta in periodi durante i quali il caldo non dà tregua.
Però non scordatevi l’ombrello perché da queste parti la pioggia è di casa!

Nessie, il mostro del lago

Scozia = mostro di Loch Ness. Non ditemi che non ne avete mai sentito parlare!
Questo laghetto a nord della Scozia è una delle mete turistiche più note e, tutti coloro che ci vanno, sperano di incontrare Nessie.
Si tratta di un bellissimo esemplare di drago femmina lacustre che vive, ormai da tempo, nelle profondità del lago.
E’ di color bruno che però, con il variare della luce, può sembrare grigio.
Ha un collo lungo ed elegante, come quello di una giraffa, ed una testa piccola.
Il corpo di Nessie è massiccio ed ha coda e pinne.
Diciamo che più che un drago sembra un plesiosauro ma, vi assicuro, che quando si arrabbia sputa fiamme a grande distanza!
E’ una lontana zia di Nettuno  e i giovani Casteldrake vorrebbero tanto incontrarla perché per loro, come per tutti i draghi, è una vera diva!
Nessie vive prevalentemente nascosta ma, di tanto in tanto, alimenta le voci di avvistamenti e foto, sbucando in superficie per brevi attimi.
Ma, mai e poi mai, si avventurerebbe nei boschi vicini: se dentro l’acqua è agile e flessuosa, fuori dal suo elemento è lenta e impacciata.

Gli abitanti di Loch Ness la adorano e ne alimentano le storie: senza di lei la loro fama non sarebbe a questi livelli!

Nessie vie nel lago di Loch Ness
Nessie vie nel lago di Loch Ness

Il drago tesorifero del lago Arkaig

Come vi ha già raccontato Reg, i draghi tesoriferi vivono a lungo, solitari e inavvicinabili, per custodire le loro ricchezze.
Il drago di Arkaig ha una particolarità: non sta in una caverna, in un castello o in un tronco d’albero, bensì in fondo a un lago.
Cosa ci fa un tesoro in mezzo a un lago? E’ un posto un po’ strano per nasconderlo, non trovate?

Si narra che alcune navi furono inviate da Luigi XIV in Scozia, con soldati ed oro, per sostenere un’insurrezione.
I soldati furono fermati dal mare in tempesta ma l’oro arrivò in Scozia anche se un po’ in ritardo rispetto a quanto pattuito.
Così il capitano si ritrovò con 40.000 luigi d’oro e decise di nasconderli in una grotta vicino al lago.
E cosa c’è di più sicuro di una grotta immersa nell’acqua? Chi mai si avventurerebbe laggiù se non un drago tesorifero e abile nuotatore, come Golden?
Il capitano sapeva che il suo tesoro era al sicuro con un drago come guardiano e Golden vive ancora oggi nuotando tra i Luigi d’oro.
Come un certo Zio Paperone mi hanno detto…

Loch Arkaig, una perla tra le montagne
Loch Arkaig, una perla tra le montagne

Morag , il drago serpente

Si, è vero, i draghi in Scozia vivono prevalentemente nei laghi!
Il motivo non lo conosco… Forse perché ce ne sono tanti e ci si sta bene? E’ un’ipotesi, la mia.
Comunque anche Morag, un drago serpente di circa 6 metri, vive nel Loch Morar, uno dei più grandi delle Highlands.
E’ cugino di Nessie, anche se meno noto di lei.
Sicuramente più maldestro: ogni suo avvistamento è stato in seguito allo speronamento di una barca che transitava nel lago.
Forse dovremmo suggerirgli un paio di occhiali, che ne dite?

Loch Morar
Loch Morar

I draghi delle Ebridi

Al largo della costa occidentale scozzese, un gruppo di isole ospita una coppia di draghi.
Uno si trova nel lago Nan Dubhrachan e l’altro nel Loch Suaibhal ed è goloso di agnelli.
Sono due gemelli della famiglia Isledrake: Big e Small.
Hanno la testa molto simile a quella di un cavallo e il corpo da serpente.
Non sono per nulla affascinanti ma sono dolcissimi e molto ospitali.
Ricordo ancora i tè pomeridiani con paste e dolcetti che mi hanno offerto quando son stata da quelle parti: indimenticabili!

Le isole Ebridi: una meraviglia!
Le isole Ebridi: una meraviglia!

Ecco, questi sono i posti che ho visitato io e le storie dei draghi che conosco.
Ma, sappiate, che la Scozia è piena di storie e misteri e, la maggior parte, parlano di draghi e magie.
Anche la cornamusa, strumento musicale tipico di queste parti, non vi ricorda la sagoma di un drago? Fateci caso…

La cornamusa e la sua forma dragosa
La cornamusa e la sua forma dragosa

Non siete curiosi di scoprire nuovi misteri? Se li trovate, vi sarei grata se me li segnalaste: il mio animo vagabondo non si dà mai pace!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *